Facciamo i conti e spremiamo il Web

deshack 2015 review

Si sa, dicembre è il mese in cui si fa un bilancio dell’anno trascorso e pianificazioni per quello a venire. Io, in qualità di libero professionista, non posso proprio farne a meno.
Circa un mese fa ho cominciato a riflettere su quanto fatto nel corso del 2015 e a farmi delle promesse per il prossimo anno.

Facciamo i conti

Il 2015 per me è stato un anno particolarmente interessante, sia per le cose positive che per quelle negative. La valutazione generale è sicuramente positiva, soprattutto a livello personale, e mi sento di valutare positivamente anche ciò che è andato storto. Lasciatemi spiegare perché.

Quest’anno sono diventato padre di una splendida bimba, Sofia, alla quale devo riconoscere il merito di avermi dato la forza di superare tanti momenti difficili. È anche l’anno in cui ho deciso di sospendere gli studi universitari e di rifiutare qualche offerta di lavoro interessante sia per motivi personali, sia perché, infondo, non corrispondevano a ciò che voglio per il mio futuro.

Dal punto di vista professionale, come libero professionista, avrei potuto fare sicuramente di più. Ho comunque avuto modo di lavorare ad alcuni progetti per realtà di un certo livello. Sono sorpreso io stesso dei traguardi che sono riuscito a raggiungere nella mia formazione per quanto riguarda sia le competenze di sviluppo, sia quelle di digital marketing.
Resta il rammarico di non essermi sempre potuto prendere il tempo necessario per affrontare al meglio i vari progetti, ma nel complesso sono particolarmente soddisfatto.

A fine novembre ho partecipato al Search Marketing Connect, ex Convegno GT, ed è lì che è cominciata questa riflessione. La sera, in albergo, lontano dal lavoro e dalla famiglia, ho avuto modo di riflettere su cosa stavo facendo e su cosa avrei voluto fare della mia vita. Per quanto riguarda la sfera personale c’era poco da programmare: il 2016 ci regalerà il secondo figlio e benché ci siano altri traguardi da attraversare, li affronteremo al momento opportuno. Dal punto di vista professionale, invece, c’era molto su cui ragionare. La pressione fiscale, nonostante il regime di vantaggio, ha causato problemi non indifferenti nel corso dell’anno che sta per finire. Il punto certo è l’intenzione di non voler riaffrontare le stesse difficoltà l’anno prossimo.

Spremiamo il Web

La riflessione inizialmente nata a fine novembre ha portato buoni risultati. A partire da un’analisi di ciò che è andato bene e ciò che invece è andato male quest’anno, sono riuscito a definire degli obiettivi per il prossimo, che possiamo così riassumere:

  • qualità
  • collaborazione
  • condivisione

Qualità

Qualità

L’esplosione del digitale (ovviamente in ritardo e povera di consapevolezza in Italia rispetto al resto del mondo) ha comportato un grande aumento della domanda di professionisti in questo campo e in particolare nei confronti del Web. Sono molti, quindi, quelli che si sono inseriti in questo mercato, dai giovani che hanno avuto modo di trovare un’occupazione alle aziende che prima trattavano altro, spesso agenzie di comunicazione tradizionali. La mancata consapevolezza delle aziende committenti, tuttavia, ha fatto sì che questi nuovi player del digitale non abbiano puntato sulla qualità, ma sulla quantità. Perché gran parte delle aziende italiane è convinta che nel Web basta esserci e non pensa minimamente a come esserci. Manca, cioè, la coscienza del fatto che una presenza nel Web, per funzionare, deve rispondere a degli obiettivi aziendali. In questo contesto nasce la fortuna di aziende e professionisti che non hanno le competenze necessarie per costruire e seguire adeguatamente la presenza online dei clienti, a volte comportando più danni che benefici per il committente. Questo non fa certo bene a chi, superate le diffidenze iniziali, decide di investire nel Web e danneggia anche i professionisti che basano la propria attività sulla qualità, poiché quando i clienti si accorgono di aver fatto un investimento sbagliato, spesso additano come causa del fallimento il mezzo invece dell’incompetenza del professionista al quale si sono erroneamente affidati.

Il mio obiettivo per il prossimo anno, pertanto, è quello di basare la mia attività sulla qualità al servizio del cliente e dei suoi obiettivi.

Collaborazione

Collaborazione

Con due lavori ed una famiglia che si allarga è difficile seguire adeguatamente i clienti. Fortunatamente conosco professionisti capaci sui quali so di poter contare sia per coprire le mie lacune, sia per aiutarmi a portare a compimento i progetti nei tempi previsti. Durante il 2016 punterò sicuramente sull’aiuto di altri per offrire il servizio migliore.

Condivisione

Condivisione

Non esistono solamente i clienti. Come dicevo sopra, esistono molti professionisti “improvvisati”. Tra questi ci sono quelli che approfittano dell’ignoranza dei clienti perché un lavoro di scarsa qualità costa meno, sia al committente sia al fornitore. Ci sono però professionisti che hanno bisogno e voglia di formarsi. Nel 2016 nascerà un progetto di condivisione e formazione per i professionisti del Web e per le aziende che vogliono essere più consapevoli delle scelte da fare, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo con WordPress ed il Social Media Marketing. Aspettatevi quindi qualche novità nelle prossime settimane: un nuovo progetto sta per prendere vita con l’obiettivo di spremere il Web. Le competenze di Giulia Bellesso, copywrighter e social media manager, Gianluca Merlo, sviluppatore Web, e del sottoscritto Mattia Migliorini, sviluppatore Web e consulente digital marketing, saranno al vostro servizio.

SqueezyWeb

Il progetto di cui parlavo poco sopra si chiama SqueezyWeb. Stiamo lavorando molto per portarlo online il prima possibile. All’inizio del prossimo anno potrete trovare una nuova fonte di notizie e tutorial, consigli e guide per utilizzare al meglio i migliori strumenti di promozione online. Per il momento, se siete interessati, potete iscrivervi alla newsletter, che utilizzeremo per tenervi aggiornati sugli sviluppi di questo progetto. Abbiamo bisogno del vostro supporto, che aspettate?!

CC BY-SA 4.0 Facciamo i conti e spremiamo il Web by Mattia Migliorini is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.

deshack

Web Designer & Developer, Consulente SEO, Ubuntu Member e Linux evangelist. Ama design puliti, con ampi spazi, e creare piacevoli interfacce per dispositivi diversi.

deshack ha scritto 82 articoli

Navigazione articoli


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>